X  

Bonus ampliamento casa

FB TW Pinterest whatsapp
incentivi

ll Governo, nel mese di marzo 2009, ha avviato alcune misure per il rilancio del settore edilizio (cd. Piano casa 2).

Si tratta, in primo luogo, dell’intesa del 31 marzo 2009, raggiunta in sede di Conferenza Stato-Regioni, nella quale le regioni si sono impegnate ad approvare proprie leggi volte a regolamentare interventi che migliorino la qualità architettonica e/o energetica degli edifici entro il limite del 20% della volumetria esistente di edifici residenziali uni-bi familiari e a disciplinare interventi straordinari di demolizione e ricostruzione con ampliamento per edifici a destinazione residenziale entro il limite del 35% della volumetria esistente, con finalità di miglioramento della qualità architettonica e dell'efficienza energetica.

In origine, l’accordo era per un periodo “eccezionale” di un anno e mezzo, in cui, in deroga agli strumenti vigenti, i privati cittadini avrebbero potuto usufruire di un bonus volumetrico.

Molti governi regionali hanno deciso di prorogare l'accordo; tra le Regioni che hanno deciso di prorogare il Piano casa fino al 31 dicembre 2020 vi sono: l’Abruzzo, la Campania, la Calabria, leMarche, il Molise,

la Puglia, la Sicilia e la Toscana.

In altre regioni, invece, il piano ampliamento casa è diventato permanente, mentre sono solo tre le regioni nelle quali non è in vigore (Emilia Romagna, Lombardia e Provincia autonoma di Trento).

Ogni regione ha un suo piano di ampliamento della casa, così che è buona norma informarsi prima di iniziare un lavoro. Ad esempio la regione Veneto ha stabilizzato il Piano Casa con la Legge Regionale 14/2019 che consente l’ampliamento volumetrico degli edifici fino al 15% con l’uso di fonti energetiche rinnovabili e prestazioni energetiche elevate. Sono previsti ulteriori premi volumetrici per case in classe A4 e che utilizzino tecniche costruttive di bioedilizia.

 

I nostri esperti sapranno seguirti e consigliarti per usufruire di questa agevolazione